La tua azienda ha un cliente britannico che non paga la tua fattura? Sebbene tu abbia probabilmente familiarità con la lingua inglese, potresti ancora incorrere in una spiacevole sorpresa quando si tratta della riscossione dei crediti nel Regno Unito. Lo sapevi, ci sono tre sistemi legali separati nel Regno Unito? Uno per la Scozia, uno per l’Irlanda del Nord e uno per l’Inghilterra e il Galles. È anche un paese di “Common Law”, che opera in modo molto diverso rispetto a molti altri paesi europei. È comune nel Regno Unito impegnare i servizi di un’organizzazione per il recupero del debito in una fase iniziale. Gli inglesi prendono gli avvocati più seriamente di un’agenzia di recupero crediti. Siete quindi in vantaggio con l’aiuto di un avvocato inglese (il termine inglese per un avvocato). Quando un cliente viene contattato da un avvocato, è molto probabile che diventerà nervoso. Ciò aumenta la probabilità di ricevere il pagamento. I nostri avvocati britannici per il recupero del debito faranno del loro meglio per assicurarti di ricevere ciò che ti è dovuto.

Suggerimenti quando un cliente britannico non paga:

  • Contattare immediatamente il debitore e chiedere perché non vi è stato alcun pagamento;
  • Non c’è risposta? Quindi inviare una lettera di richiesta;
  • Il tuo cliente potrebbe essere in attesa fino all’avvento di un avvocato, poiché questo è comune nel Regno Unito;
  • È consuetudine inviare una lettera di richiesta finale prima di consegnarci il reclamo per il recupero. Questo dovrebbe contenere le seguenti informazioni:
    • dettagli sul reclamo;
    • un periodo di pagamento tra 7 e 21 giorni;
    • Conseguenze nel caso in cui il cliente non paghi entro questo periodo di tempo.

Recupero crediti Regno Unito

  • I nostri avvocati britannici hanno familiarità con la legislazione locale

I nostri avvocati di recupero crediti britannici hanno una vasta esperienza e conoscenza della legislazione e dei regolamenti britannici nel Regno Unito. Inoltre, sono pienamente consapevoli delle tradizioni e della cultura commerciale britannica. Ciò rende più facile far pagare rapidamente il tuo debitore britannico.

  • Recupero del debito in lingua inglese

I nostri avvocati parlano sia la tua lingua che l’inglese a livello nativo, il che consente loro di superare facilmente qualsiasi errore di comunicazione e barriere linguistiche.

  • Recupero crediti personalizzato

Il nostro approccio di recupero del debito commerciale è personalizzato per ogni caso unico e ti forniamo consulenza personalizzata.

  • Consigli diretti

Daremo sempre il nostro consiglio onesto sulle possibilità di successo nella questione del recupero del debito. Mettere in primo piano i tuoi interessi è importante per noi; Cerchiamo di fornirti le tue opzioni, così come i nostri consigli sulla strada migliore da percorrere. È facile vedere come mettiamo in pratica i nostri valori fondamentali di integrità e giustizia.

Trasferimento del recupero crediti

Il processo di recupero del debito nel Regno Unito

Il processo di recupero crediti nel Regno Unito può essere suddiviso in due fasi. Durante la fase stragiudiziale, il recupero avviene senza l’intervento del tribunale. Durante la fase giudiziale, coinvolgiamo la Corte per far pagare il tuo debitore britannico. Perché siamo uno studio legale, possiamo assistervi durante entrambe le fasi. Nel Regno Unito, la maggior parte delle questioni viene risolta durante la fase stragiudiziale, senza l’intervento del tribunale.

1. Recupero di crediti extragiudiziali

In linea di principio, iniziamo sempre il processo di recupero crediti con la fase stragiudiziale. Durante questa fase, cerchiamo di impedire l’intervento della Corte, in quanto può essere costoso. Contatteremo il vostro debitore britannico per chiedere. In questa fase, abbiamo le seguenti opzioni:

  • Lettere e telefonate scritte richieste: inviamo al debitore una lettera di richiesta scritta e le contattiamo telefonicamente, chiedendo che paghino il suo credito entro pochi giorni;
  • Effettuare un accordo: i nostri avvocati useranno la loro conoscenza delle usanze del commercio e dei regolamenti per arrivare a un accordo con il debitore. Raggiungere un accordo è un mezzo molto popolare nel Regno Unito per incoraggiare la paga dei clienti. Questo può essere utilizzato anche durante i procedimenti legali;
  • Risoluzione alternativa delle controversie (ADR): questo è un modo più economico, rapido e semplice per risolvere le controversie senza l’intervento della Corte. Un esempio è “Mediazione”. Può offrire a entrambe le parti certezza in un periodo di tempo più breve, in quanto non è necessario attendere una decisione del tribunale. ADR è attivamente incoraggiata dai tribunali, infatti, a loro non piace se una parte ha irragionevolmente rifiutato di impegnarsi in ADR. Quale metodo di ADR è giusto per il tuo caso dipende in larga misura dal fatto che il debitore sia disposto a impegnarsi e dal tipo di rapporto contrattuale che hai;
  • Annuncio di procedimenti legali: spesso, l’annuncio di un procedimento legale convincerà il tuo debitore britannico a pagare.

2. Collezione di crediti giudiziari

Se il debitore si rifiuta di pagare durante la fase extragiudiziale, dopo aver discusso con voi, possiamo andare a Corte. Vi forniremo sempre informazioni in merito ai costi potenziali e procediamo con la vostra autorizzazione. Quali procedimenti legali sono disponibili nel Regno Unito dipende dalla giurisdizione in cui ha sede il tuo partner commerciale. Di seguito viene fornita una spiegazione di alcuni procedimenti in Inghilterra e Galles. Quale procedimento si svolge in quale Corte è determinata dalla dimensione e dalla complessità del reclamo. A seconda del tipo e della dimensione del reclamo, abbiamo le seguenti opzioni durante la fase giudiziaria per il pagamento esatto:

  • Ordine di pagamento: a differenza di molti paesi europei, in Inghilterra e in Galles non esiste alcun equivalente nazionale a una “Procedura di pagamento”. I procedimenti civili ordinari devono essere iniziati.
  • Procedimenti civili ordinari: in Inghilterra e Galles, i procedimenti giudiziari sono trattati nelle seguenti tre categorie:
  • “Small claims”: reclami inferiori a £ 10.000 sono trattati come “piccoli sinistri”. Di solito, le udienze non sono lunghe quanto quelle per rivendicazioni di valore più elevato. A volte non c’è affatto udito. Uno svantaggio è che i costi di questi procedimenti vengono raramente addebitati alla parte perdente;
  • “Fast track”: questi procedimenti vengono utilizzati per richieste di valore più elevato, non complesse (in genere fino a £ 25.000). Questi procedimenti tendono a richiedere più tempo di “piccoli crediti”. Inoltre, la corte a volte ordinerà che almeno parte delle spese processuali debbano essere pagate dalla parte perdente. Tuttavia, l’importo è a discrezione della Corte;
  • “Multi traccia”: reclami superiori a £ 25.000, o casi particolarmente complessi, sono trattati in procedimenti “multi traccia”. In media, questi procedimenti richiedono più tempo e l’udienza finale dura in genere più di un giorno. Vi è una maggiore volontà da parte della Corte di ordinare che la parte soccombente debba pagare le spese del procedimento, anche se, ancora una volta, l’importo è a discrezione del Tribunale;
  • Richiesta di scioglimento / fallimento: a differenza di altri paesi europei (ad esempio, i Paesi Bassi), le petizioni per bancarotta non sono molto veloci o costose nel Regno Unito. È visto come un ‘ultima risorsa’ nel processo di recupero del debito. In Inghilterra e nel Galles, ci vogliono diversi mesi ed è piuttosto costoso. Pertanto, è fondamentale discutere se questo è giusto per il tuo caso con un avvocato.
  • Procedimento di ingiunzione di pagamento europeo: In caso di reclamo indiscusso tra due parti aventi sede negli Stati membri dell’UE (ad eccezione della Danimarca), è possibile avviare un procedimento di pagamento europeo. L’avvocato che gestisce il tuo caso può valutare se questo tipo di procedura è adatta nel tuo caso.
  • Per i procedimenti di pagamento degli ordini europei, il creditore di solito completa un modulo standard e lo sottopone alla Corte. La Corte emette quindi un’ingiunzione di pagamento europea. Il debitore ha quindi 30 giorni per dichiarare se opporsi alla richiesta. Se non c’è risposta entro il periodo di 30 giorni, è possibile chiedere al tribunale di effettuare l’ordine di pagamento finale (chiamato “dichiarazione di esecutività”). Si tratta di una sentenza valida ed esecutiva accettata in qualsiasi Stato membro (ad eccezione della Danimarca). L’Ordine europeo di pagamento non è mai appropriato per le questioni controverse (quindi non nei casi in cui vi è una discussione sulla fattura). Il vantaggio di questa procedura è la rapidità e il basso costo (alcuni Stati membri non addebitano nemmeno una tassa giudiziaria), ma lo svantaggio è che se viene contestato, la procedura termina e deve essere avviata una procedura civile ordinaria se il creditore vuole continuare.